1

Il mercato

Nuovi trend fashion e retail

Il Contesto

La “new fashion” che avanza.

I capricci della moda, lo spazio nell’armadio, il passare degli anni, i cambiamenti fisici e il conto in banca hanno per anni condizionato il comportamento del consumatore, obbligandolo a scegliere ponderatamente prodotti “no regrets”.

Il consumatore, oggi, condizionato dalla moltiplicazione dei canali e dell’offerta grazie dell’e-commerce, tende ad essere incredibilmente attento nei confronti del mercato e del servizio, e a concepire il vero lusso più in funzione dell’esperienza da vivere che del bene da possedere.

O2O Marketing Strategy

Punto fisico e canali online sempre più integrati

Negli ultimi anni gli online retailers hanno dovuto fare i conti con il fatto che tre quarti delle donne preferisce toccare con mano gli abiti che indosserà e pertanto introdurre anche canali offline nel loro modello di business.

Uno studio pubblicato da TimeTrade conferma la forza del negozio “fisico” per le nuove generazioni e l'utilizzo di piattaforme commerciali mobile, come parte del processo di raccolta delle informazioni prima di effettuare un acquisto.

Oggi canali digitali e negozi fisici devono necessariamente trasformarsi in un unico ecosistema di brand e in un’unica retail experience capace di rispondere in modo adeguato alle aspettative del consumatore omni-canale che si informa sui prodotti in mobilità, li prova e li sperimenta in negozio e infine opta per acquistarli online: “diventa reale tutto ciò che prima era virtuale”.

Il “tocco umano” resta importante per gli acquirenti, l’85% dei consumatori vuole testare i prodotti prima di prendere una decisione, e il fatto che i colossi online come Amazon stiano creando i loro store fisici dimostra che i punti vendita rimangono essenziali nella shopping experience e strategici per la conversione “research to purchase”.

Oggi canali digitali e negozi fisici devono necessariamente trasformarsi in un unico ecosistema di brand e in un’unica retail experience capace di rispondere in modo adeguato alle aspettative del consumatore omni-canale che si informa sui prodotti in mobilità, li prova e li sperimenta in negozio e infine opta per acquistarli online: “diventa reale tutto ciò che prima era virtuale”.

What’s Next

“Pay-as-you-go” retail

Una recente ricerca di mercato sui futuri trend del mondo retail intitolata: “How We Shop Now: What’s Next Report”, promossa dal gruppo Westfield, ha evidenziato il femonemo del PAY AS YOU GO RETAIL tra i componenti d’acquisto emergenti il femonemo: il consumatore moderno vuole potersi concedere di cambiare guardaroba non più ogni anno, ma ogni giorno e lo vuole fare in modo rapido, intelligente ed economico.

Da qui la nascita di quelle realtà che hanno promosso il concetto di noleggio di singoli abiti o di outfit. Il modello di noleggio vs. acquisto di abiti ed accessori si è dimostrato essere ancora più vincente quando proposto come parte di altre esperienze del consumatore, quali quella del viaggio con soggiorno in albergo.